Attn! Always use a VPN when RSSing!
Your IP adress is . Country:
Your ISP blocks content and issues fines based on your location. Hide your IP address with a VPN!
Are you the publisher? Claim or contact us about this channel


Embed this content in your HTML

Search

Report adult content:

click to rate:

Account: (login)

More Channels


Channel Catalog


Channel Description:

Le ultime novità da Libertas.sm!

older | 1 | .... | 1325 | 1326 | (Page 1327) | 1328 | 1329 | .... | 1335 | newer

    0 0

    Antonio Fabbri - L'informazione di San Marino: Caso Seven Eleven, condanna a un anno per Manuzzi e risarcimento danni 

    SAN MARINO. Si chiude il primo grado con la condanna a un anno di prigionia, un anno e otto mesi di interdizione, 3000 euro di multa e risarcimento del danno da liquidare in sede civile. 

    Il processo è quello a carico di Giorgio Manuzzi, il cesenate titolare di una società italiana, la Moving, in stretto rapporto con una società sammarinese, la Seven Eleven, di cui era a sua volta socio e, secondo l’accusa, amministratore di fatto. (...)

    Secondo l’accusa mossa Manuzzi si serviva della società sammarinese per consentire a terzi l’evasione dell’Iva e delle imposte sui redditi in danno all’erario italiano. (...)


    0 0

    Antonio Fabbri - L'informazione di San Marino: Riciclaggio, condanna definitiva per fratello e sorella. 1,7 mln allo Stato 

    SAN MARINO. Confermata integralmente la sentenza di primo grado a carico dei fratelli fanesi, Mauro e Maura Camerini. Erano imputati di riciclaggio e autoriciclaggio. Lui, Mauro Camerini dipendente dell’Asur di Fano,a 4 anni e sei mesi, multa di 2000 euro e un anno e 4 mesi di interdizione dai pubblici uffici. 

    Lei, Maura Camerini che oggi vive a Tenerife, alle Canarie, a 4 anni, 500 euro di multa e a un anno di interdizione. Ma aldi là della prigionia quello che pesa è la condanna alla confisca dei denari sequestrati ai due:1.797.816,22 euro (...).


    0 0

    Antonio Fabbri L'informazione di San Marino: Contraffazione di impronte pubblica Condanna

     

    La vicenda è singolare. Era accusato di avere costituito una società sammarinese, risultata però inesistente e costituita utlilizzando timbri contraffatti di un notaio sammarinese. L’inghippo è sorto quando Luigi Simari si è recato presso un notaio italiano per registrare la società anche oltre confine come capofila di altri soggetti giuridici collegati in Italia. Il notaio italiano ha notato che qualcosa non quadrava ed ha sporto denuncia. Era il 2013. Simari ha riferito che la società l’aveva acquisita da un sedicente Giovanni Mularoni. Quest’ultimo aveva ceduto la società sammarinese risultata poi inesistente a Simari e negli organi societari aveva inserito professionisti del Titano, commercialisti e avvocati, a loro volta ignari. Ieri in tribunale erano presenti due Giovanni Mularoni e i professionisti che erano citati nelle carte poi risultate contraffatte. (...)


    0 0

    RIMINI. Avevano puntati alcuni turisti sull'autobus diretto a San Marino. La coppia di ladri tentava di agire vicino alla stazione ferroviaria, in piazzale Cesare Battisti, ma alcuni passeggeri hanno notato i movimenti sospetti e hanno allertato la polizia.

    I due, approfittando della calca all’ingresso del pullman, si sono stretti su una donna con a tracollo una borsa con un lembo chiuso da una clip a pressione e hanno cercato di derubarla. Un passeggero ha però avvertito la vittima e la coppia che si è così allontanata sul lato opposto del piazzale dove stava arrivando proprio in quel momento l’autobus linea 4. 

    Questa volta i due non avevano però fatto i conti con i poliziotti già pronti sul posto a intervenire. Gli agenti, infatti, dopo aver fatto fermare il mezzo pubblico sono riusciti a bloccare in sicurezza l’uomo, mentre la donna è riuscita a dileguarsi tra la gente.

    L’uomo, già noto alle forze di polizia per pregiudizi specifici, è stato portato in Questura, dove è stato arrestato per tentata rapina in concorso e ieri è stato processato con rito direttissimo. La polizia sta indagando per risalire all'identità della donna.


    0 0

    San Marino, Domagnano. Presentata ieri sera in una sala affollata la coalizione costituita da Movimento ReteMovimento Democratico San Marino Insieme, dopo   l'exploit della raccolta delle firme necessarie per le due liste in un unico incontro pubblico  I protagonisti:  Elena Tonnini, Matteo Zeppa, Luca Lazzari, Roberto Ciavatta, Federico Pedini Amati, Grazia Zafferani

    "A distanza di 4 anni, anche a livello consiliare, abbiamo trovato altre due persone follemente innamorate di un progetto nuovo. E dietro Luca e Federico ve ne sono tanti altri.
     In questi anni -sempre assieme- ne abbiamo passate di tutti i colori. Ci hanno affibbiato tanti nomignoli che non credo sia il caso di star qui ad elencare, ma che in fondo li conoscete tutti.
     Mi viene da dire che si etichettano le persone quando fanno paura a coloro che difendono lo status-quo, quando non abbassano mai la testa. Ed allora possono anche essere letti come un motivo di vanto.
     Questa personale esperienza, che non stento a definire faticosa per molteplici aspetti, mi ha concesso di poter conoscere persone eccezionali, verso cui spenderei tutto me stesso ed alle quali affiderei ogni cosa.
     Quel gruppo di utopisti è cresciuto, si è allargato e le menti si son messe a lavorare nuovamente, come solo gli utopisti riescono a fare"
    .(Da Faceebook)                         Presentazione a Domagnano giovedì 22 settembre 2016


    0 0

    SANTARCANGELO. Piazza Ganganelli gremita mercoledì sera per l'evento solidale "Santarcangelo c'è". Tovaglie blu e fiori, una cornice elegante per una cena d'eccezione, che ha visto anche le esibizioni di alcuni artisti del territorio, fra cui Dany Greggio. 

    Il borgo clementino haraccolto 12.390 euro con la cena il cui ricavato è già stato interamente devoluto alle popolazioni colpite dal sisma in centro Italia. All'evento hanno partecipato 600 persone e sono stati venduti 413 coupon, ogni cena aveva un costo di 30 euro. Al denaro raccolto sono stati sommati anche 336 delle bevande vendute vicino al palco dei concerti.

     

     


    0 0

    SALUDECIO (RN). Sabato dalle 19 in piazza Gioco del pallone si terrà la serata di beneficenza per le popolazioni terremotate organizzata dalle associazioni attive nei comuni di Saludecio, Mondaino e Montegridolfo. 

    Cena solidale a 10 euro, in menu penne all'amatriciana, piada con prosciutto, vino, acqua, musica, karaoke, animazione per i più piccoli, truccabimbi, osservazione delle stelle.

    La serata è realizzata con il patrocinio e il contributo dei Comuni di Saludecio, Mondaino e Montegridolfo


    0 0

    Lamberto Abbati - La Voce di Romagna: Delfinario: dirigente e tre gestori nei guai / Il caso / La Forestale intervenuta per i presunti maltrattamenti evidenziò l’assenza di autorizzazioni per gli scarichi delle acque reflue 

    RIMINI. Non c’è pace per il Delfinario di Rimini, finito al centro di un’altra inchiesta giudiziaria che coinvolge un dirigente comunale del Suap, e i tre amministratori della Delfinario Rimini Srl che si sono succeduti dal 2014 ad oggi. Le accuse, a vario titolo, sono di abuso d’ufficio e violazione delle norme ambientali in materia di sversamento della acque reflue. 

    A far partire le indagini fu il Corpo Forestale dello Stato, che (...) evidenziò la mancanza delle necessarie autorizzazioni comunali per gli scarichi delle acque reflue nella rete fognaria e quelle inerenti alla normativa antisismica. (...)


    0 0

    Andrea Rossini - Corriere Romagna: Indagate le due donne: secondo l’accusa la persecuzione per interposta persona è avvenuta durante le fasi di una burrascosa separazione / Stalker del medico? L’amica della moglie / Arredi funebri a casa dell’uomo e messaggi minatori, ma sempre quando lei aveva un alibi 

    RIMINI. Un giorno si vide recapitare a casa addirittura degli arredi funebri. La corona di fiori era il macabro omaggio di una anonima persecutrice (...). 

    Lui, un medico di mezza età, sospettava della sua unica “nemica” (...).

    Ci sono voluti i carabinieri per smascherare la presunta stalker (...).


    0 0

    Il Resto del Carlino: Truffa dei Rolex: gioielliere ci rimette 50mila euro / Avvocato alla sbarra insieme a quattro complici 

    RICCIONE (RN).Un avvocato alla sbarra insieme ad altri quattro complici, accusati di avere messo a segno una truffa ai danni di un gioielliere di Riccione. 

    Il quale c’è caduto in pieno, rimettendoci due Rolex, per un valore di oltre 50mila euro. 

    Il titolare della gioielleria non ha motivo di sospettare nulla, e mostra ai clienti che sembrano intenzionati a spendere un bel po’ di soldi, alcuni tra i suoi orologi più preziosi. (...)


    0 0

    RIMINI. Anteprima di Giardini d'Autore questa sera alla biblioteca Gambalunga con il circuito #OffGiardinidautore, una delle grandi novità nata dalla collaborazione tra Giardini d’Autore e la città di Rimini.

    Alle ore 19 il chiostro della Biblioteca Gambalunga parla di verde, design, natura con una serata Off! degustando e ascoltando un aperitivo con concerto live in un magnifico giardino costruito in collaborazione con Vivaio Central Park, Eva Germani, Francesca Antolini, Ecogiardino, Karman e Giardini d’Autore. Questo è il "Secret Garden" rivisitato e reinterpretato da Matrioska Labstore. Giardini d'autore inaugura invece la sua due giorni al Parco Fellini sabato e domenica, dalle 9 alle 19.

     

     

     

     

     


    0 0

    RIMINI. Mercoledì 28 settembre, alle ore 21, appuntamento con la manifestazione "Il giro del mondo in 80 corti". 

    Buio in sala nella Cineteca comunale di Rimini su una selezione di corti di altissimo livello. L'ingresso è libero.


    0 0

    SAN MARINO. Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione degli abitanti di Falciano in merito allo stato pericolante in cui versa da anni Strada Celidonia.

    Gentile Direttore,

    siamo un gruppo di abitanti di Falciano e con la presente vorremmo metterla a conoscenza del perdurare di una situazione che si protrae da anni e che ha diversi profili di pericolo per l’intera comunità.

    Più precisamente le vogliamo rappresentare le condizioni in cui versa da anni Strada Celidonia .

    Tale strada collega Strada Lamaticce con la località Cinque Vie e Strada la Zanetta  località in cui si trova ubicato il Plesso delle Scuole di Falciano.

    Si tratta di un tratto di strada lungo circa 600 mt rettilineo che si presta ad essere percorso a velocità sostenute.

    Lungo il tratto stradale sopra descritto si trova un complesso residenziale composto da 30 /40 famiglie che come ben comprenderà comporta un traffico sostenuto dovuto sia all’accesso dei residenti, dei mezzi agricoli stante le vicine campagne, dei mezzi pubblici e non da meno dei trasporti scolastici viste le immediate vicinanze del plesso scolastico.

    Strada Celidonia è interessata da un importante movimento franoso che ha comportato l’abbassamento del livello stradale creando avvallamenti e dislivelli di diversi cm, ultimamente si è anche formata una cavità sul manto stradale segnalata solamente da qualche cartello stradale e lampeggiante.

    A dimostrazione di quanto sopra rappresentato vi è anche il difficile accesso alle vicine abitazioni a causa dell’abbassamento del livello stradale.

    Il nostro timore è che tale situazione possa rovinosamente precipitare creando anche danni rilevanti, basti pensare che tale tratto stradale è attraversato dalla conduttura principale del gas metano che non più tardi di due anni fa a causa del movimento franoso in atto  ha comportato la rottura della conduttura con conseguente chiusura del tratto stradale per il tramite dei Vigili del Fuoco, situazione che ha creato un alto rischio per la comunità.

    Inoltre in corrispondenza della strada il lampione stradale presenta la zoccolo in cemento sul quale è ancorato fuori dalla sede stradale con importante inclinazione verso la strada.

    Le stesse condutture  fognarie a causa della frana in atto sono integralmente compromesse difatti i fossi adiacenti la strada sono pervasi da acque scure maleodoranti piene di insetti che durante i temporali estivi vengono completamente inondati comportando la straripamento  sulla corsia stradale fino al plesso scolastico di Falciano.

    Quanto da noi rappresentato in queste poche righe è stato più volte portato a conoscenza e all’attenzione degli organi competenti , Capitano di Castello, Protezione Civile, Aziende Autonome, Polizia Civile ma senza successo alcuno.

    Pensi che nell’ultimo periodo è stata anche invocata la chiusura del tratto stradale al fine di evitare che possano verificarsi gravi incidenti stradali.

    Nonostante le continue e insistenti segnalazioni l’unico intervento che viene periodicamente effettuato è la posa annuale di un cospicuo manto di asfalto in occasione del rally legend, che comporta un giovamento istantaneo alla circolazione ma con l’alternarsi delle secche e delle pioggie determina l’acuirsi del fenomeno con la comparsa di nuove crepe e distaccamenti.

    Le chiediamo pertanto che questa situazione venga portata all’attenzione di tutta la comunità, vista la latitanza degli organi competenti e soprattutto con l’intento di evitare che possano accadere eventi spiacevoli e irrimediabili.

    Grazie per l’attenzione prestataci,

    Gli abitanti di Falciano 

     


    0 0

    RICCIONE (RN). Martedì 27 settembre all’Ospedale “Ceccarini” di Riccione inizieranno lavori di rifacimento della pavimentazione stradale nell'area esterna dell'ospedale, e situata tra l'accesso al Punto prelievi e la sede della Dermatologia e laboratorio analisi. 

    Tale area sarà, di conseguenza, interdetta al traffico pedonale oltre che di mezzi, fino a conclusione dei lavori, la cui data è prevista per giovedì 6 ottobre.

    In tale lasso di tempo gli utenti che avranno necessità di raggiungere il Punto prelievi dell'ospedale, dovranno utilizzare l'ingresso principale dell'ospedale situato in via Frosinone.

    La direzione si scusa per i disagi, sebbene dovuti ad un’opera di miglioramento, specie per le precarie condizioni nelle quali l’asfaltatura si trova, e che rende difficoltoso e pericoloso il transito anche per i pedoni e per le persone in carrozzina.

    [c.s. Ausl Romagna]

     

     


    0 0

    RIMINI. La Basilica Cattedrale, il Giubileo a Rimini, le Porte Sante della Carità “aperte” in Diocesi. Ma anche l’importanza della comunicazione ai giovani con eventi e multimedialità secondo il Vescovo della città di Fellini e che ospita ogni anno (da 38 stagioni) del Meeting per l’amicizia fra i popoli.

    Monsignor Francesco Lambiasi, Vescovo di Rimini, la città del Tempio Malatestiano e del ponte di Tiberio, sono tra i protagonisti della trasmissione “Il Giubileo di Papa Francesco”, che andrà in onda su Rai Uno alle ore 11 di sabato 24 settembre (replica il 25 settembre su Rai Storia, ore 12,30).

    Il programma realizzato da Rai Vaticano, a cura di Massimo Milone, si interroga sul Giubileo della Misericordia indetto da Papa Francesco, e su cosa lascerà tale avvenimento (che fino ad oggi ha richiamato nella Città Eterna 15.000.000 milioni di pellegrini, ma anche cerimonie ed incontri in ogni angolo del mondo e gesti altamente simbolici) alla Chiesa e alla società. Interverranno, tra gli altri, il direttore del quotidiano dei vescovi italiani “Avvenire”, Marco Tarquinio, il Presidente di Azione Cattolica, Matteo Truffelli, il presidente di Rinnovamento nello Spirito, Salvatore Martinez, il presidente del Movimento cristiano lavoratori, Carlo Costalli. 

    Con la copertina dedicata alla Giornata mondiale della Pace ad Assisi, “Il Giubileo di Francesco” propone, da Venezia e Rimini, “Cinema per l’anima” un viaggio del giornalista Stefano Girotti Zirotti, con uomini di Chiesa e di spettacolo, su temi biblici e cristiani che, sul grande schermo, hanno unito botteghino, critica e ricerca di spiritualità. Zirotti ha intervistato sui temi della comunicazione, della fede e del Giubileo il Vescovo Francesco proprio all’interno del Tempio Malatestiano.

    L’intervista sarà seguita da un servizio di approfondimento sul tema “Cinema e Teatro per l’anima” con due contributi realizzati al Meeting di Rimini sul film Full of Grace e l’opera teatrale L’Innominato in cerca di Misericordia.

    Oltre al pastore della Chiesa riminese, interverranno sul tema il direttore della mostra Alberto Barbera, il prefetto della Segreteria della Comunicazione per la Santa Sede, monsignor Dario Viganò, il presidente della Fondazione Ente dello spettacolo, don Davide Milani, e il vincitore del premio Bresson 2016, Andrei Koncalovskij. 

    Infine il programma prevede una tappa a Betlemme, con Piero Marrazzo, dove, per il Giubileo, sono stati terminati i lavori di ristrutturazione della Basilica della Natività, culla del Cristianesimo, oggetto di pellegrinaggi da tutto il mondo. “La Memoria del Giubileo” (di Filippo Di Giacomo, dalla teca di Rai Vaticano) è dedicato a Madre Teresa di Calcutta, recentemente canonizzata.

    [c.s. Diocesi Rimini]


    0 0

    RIMINI. Dal 13 al 15 ottobre a Rimini Fiera la nuova edizione del Sun, il Salone Internazionale dell’Esterno, degli Stabilimenti Balneari e dei Campeggi. Uno dei focus riguarderà i nuovi format innovativi che sono protagonisti sulle spiagge italiane ed internazionali, insieme agli eventi per vivere la spiaggia tutto l'anno.

    Giovedì 13 ottobre, alle 14.00 presso la Camping&Village Area è programmato un seminario dal titolo Il grande successo del Beach Bar con l’intervento di Giacomo Pini (GP Studios) per l’illustrazione di case history divenute vere e proprie destinazioni.

    “Per quanto concerne i beach bar - anticipa Pini – si affacciano continuamente sul mercato nuove formule. Ormai la tradizionale ‘vendita dell’ombra’ che tanto successo ha avuto nei decenni scorsi lascia spazio ad un concetto più evoluto. Analizzeremo cosa accade nel mondo, dove si afferma sempre più il concetto di club. I casi più innovativi? Ibiza e Miami sono i punti di riferimento e verificheremo come si tratti ormai di una unità di business, veri e propri format. Anche in Italia stiamo assitendo ad esperienze molto avanzate: in Romagna, in Puglia e in Liguria i casi più interessanti”.

    A Sun anche la premiazione del miglior beach bar d’Italia. Il concorso organizzato insieme Mondo Balneare premia le migliori strutture balneari della penisola e sarà il Singita Miracle Beach di Fregene a fregiarsi di questo titolo. Al secondo posto dalla Sicilia l’Erice Smile Beach e al terzo l’Oktagona dal brindisino.

    La spiaggia vittoriosa è caratterizzata dai toni bianchi e dal legno, con molti richiami all’Africa. Musiche di giorno, lumi e lanterne la sera, grandi letti a baldacchino ricreano atmosfere africane.

    L’appuntamento con le premiazioni è per venerdì 14 ottobre, alle 14.00 nella hall B5-D5

    Infine una preziosa installazione a cura di Simone Micheli, dal titolo Beach Bar Restaurant Hotel & Laboratorio Frel, evento curato ed organizzato da Simone Micheli Architectural Hero in collaborazione con Comufficio e Consorzio FIA alla hall B5-D5

    Beach Bar Restaurant Hotel & Laboratorio Frel è uno spazio esperienziale unico, la cui energica forza vitale scaturisce dall’intima ed inscindibile combinazione di intenti differenti seppur simbiotici.

    Un ambiente dedicato all’ospitalità ed all’intrattenimento fuori dall’ordinario, all’interno del quale le aree comuni si ibridano e mescolano sulla base dei cangianti desideri di chi vi soggiorna. Oltre a Sun 2016, Rimini Fiera ospiterà in contemporanea il 65° Sia Guest Salone Internazionale dell’Ospitalità e il 53° TTG Incontri, il più importante marketplace in Italia in Italia per il business turistico. Sono attesi oltre 65.000 operatori da tutto il mondo.

    [c.s.]


    0 0

    MONDAINO (RN). Domenica 25 settembre, ore 17, al Teatro Dimora di Mondaino prova aperta per il pubblico della compagnia di danza contemporanea Gruppo Nanou, che presenta lo spettacolo "Senza titolo per uno sconosciuto".

    La compagnia ravennate gruppo nanou, sceglie ancora una volta L’arboreto – Teatro Dimora, luogo di accoglienza e cura, per lavorare in residenza creativa, dal 19 al 25 settembre, al nuovo spettacolo Senza titolo per uno sconosciuto [untitled for the unknown]. Al termine della presentazione, piccolo convivio e incontro con la Compagnia.

    Senza titolo per uno sconosciuto [untitled for the unknown] è un progetto di gruppo nanou - Marco Valerio Amico, Rhuena Bracci - con Sissj Bassani, Rhuena Bracci e Marco Maretti.

    Marco Valerio Amico descrive così il progetto:

    “Il corpo è senza organi. La sua identità è perduta, deterritorializzata. L’attività del corpo è: svuotare, spostare, sottrarre, ricollocare per inciampare e mai cadere in una identità. L’attività è sempre transitiva. Eppure il corpo non è il centro. E’ produttore di tracce e residui. Un esercizio “difficilissimo” (come direbbe un bambino): disfare lo spazio, il tempo, il ritmo, la figura. Una fuga perpetua".

    Ingresso libero.

    [c.s Teatro Dimora Mondaino]

     

     


    0 0

    RIMINI. A 400 anni dalla prima rappresentazione i cinque intermezzi musicali dell’Orfeo dolente di Domenico Belli (1616) rivivranno, in un’alternanza musicale e letteraria, l’unione originaria con la favola pastorale Aminta di Torquato Tasso. Seconda replica domani sera per Aminta/Orfeo, la nuova produzione della Sagra Musicale Malatestiana che debutta questa sera in prima assoluta in tempi moderni a Rimini nella sala Pamphili del Complesso degli Agostinani (ore 21.30). Una versione di Orfeo composta dal musicista Domenico Belli e consistente in cinque intermedi eseguiti a Firenze nel 1616 che raccontano in forma inedita il celebre mito del poeta che sfida il regno dell’oltretomba per ritrovare Euridice. Come quattro secoli fa i cinque intermezzi musicali dell'Orfeo Dolente composti da Belli saranno riproposti come altrettanti “intervalli” alla rappresentazione dei cinque atti della favola pastorale di Torquato Tasso, Aminta.

    Daniele Spanò

    Aminta/Orfeo: Sagra Musicale Malatestiana nella sala Pamphili

    “S'ei piace ei lice (titolo del coro dell'atto I di “Aminta” di Torquato Tasso) è il punto di partenza dal quale abbiamo sviluppato l’intenzione drammaturgica, che va verso una ricerca espressiva volta ad esaltare il pensiero sostanziale dell'età dell'oro – spiegano i registi, i due giovani e affermati video-artisti, Daniele Spanò e Luca Brinchi - La scelta registica di utilizzare scenografie multimediali complesse, di sostituire la figura attoriale con dispositivi meccanici, fatta eccezione del Satiro, unico corpo in scena, ha permesso di mettere il focus sull'aspetto principale dell'opera di Tasso: il desiderio. Aminta è un'opera estremamente musicale, la sua lingua ci ha consentito di creare una commistione di sonorità, crude e furiose come la natura stessa, un sovrapporsi di variazioni vocali e una diversificazione del linguaggio rispetto ai personaggi. La storia è stata reinterpretata, prediligendo un finale aperto, al fine di celebrare il dominio di Natura sull’uomo”.

    Spanò e Brinchi che si sono valsi della collaborazione drammaturgica di Erika Z. Galli e Martina Ruggeri del collettivo Industria Indipendente per dare inedito risalto al contrappunto visivo e sonoro costituito di quell’alternanza fra la poesia di Tasso e la musica scritta espressamente da Belli. Abiti e accessori sono firmati da Gucci.

    Aminta

    Riccardo Pisani e Damiana Pinti protagonisti con Walter Testolin dell'Aminta/Orfeo

    In scena cantanti affermati nel repertorio barocco come il tenore Riccardo Pisani (Orfeo), il soprano Damiana Pinti (Calliope), il basso Walter Testolin (Plutone), impegnati nella nuova produzione con le altre voci e gli strumentisti dell’Ensemble Arte Musica diretto al clavicembalo da Francesco Cera. La nuova produzione è targata Sagra Musicale Malatestiana, Spellbound, Teatro di Roma in collaborazione con il Festival Shorttheatre di Roma e Vie Festival promosso da Emilia Romagna Teatro. Biglietti da 8 a 12 euro Per informazioni tel. 0541. 0541 793811 dal martedì al sabato dalle 10 alle 14 e martedì e giovedì dalle 15.30 alle 17.30 - biglietteriateatro@comune.rimini.it

    Luca Brinchi

    Sagra Musicale Malatestiana. Aminta/Orfeo. LUCA BRINCHI

    Inizia la sua ricerca in campo multimediale dal 2001, fondando insieme ad altri cinque artisti provenienti da esperienze artistiche diverse il collettivo artistico performativo Santasangre. La sua ricerca fin da subito è rivolta alla creazione di ambienti virtuali pensati appositamente per il progetto di ricerca del momento. Quello che sempre ha contraddistinto il suo lavoro è stata la volontà di far attraversare l’immagine video dal linguaggio del corpo e del suono, trovando la possibilità di fusione tra queste espressioni. Le sue opere o collaborazioni hanno sempre avuto un carattere diverso e sono state impiegate in ambiti artistici differenti, da spettacoli teatrali o di danza ad opere liriche, a gallerie di arte contemporanea, ad eventi per la moda. Il risultato di questa ricerca sotto forma di spettacolo è stato presentato in contesti nazionali ed internazionali dal Romaeuropa Festival al Grec di Barcellona, dal Noorderzon di Groningen all’ Eurokaz di Zagabria, dall’Auditorium di Roma al Drodesera Centrale Fies, dal Festival delle Colline Torinesi al Festival di Santarcangelo, dalle stagioni del Sophiensaele di Berlino e della Ferme du Buisson di Parigi ai Teatri Stabili d’Innovazione di Napoli, Pescara, Bari, Udine. Negli anni sono stati conseguiti dal gruppo i seguenti premi: nel 2010 il Best Direction del Festival di Pristina KosovaInfest, nel 2009 il Premio Ubu/Premio Speciale, nel 2008 il premio di produzione dell’ETI Nuove Creatività e nel 2006 la menzione speciale per la sperimentazione dei linguaggi al Premio Tuttoteatro.com Dante Cappelletti. Luca Brinchi dal 2013 inizia un percorso di progetti individuali e di collaborazioni artistiche che lo porta a lavorare con diversi artisti quali Jan Fabre, il coreografo Sang JJijia, il video artista Daniele Spanò, con la street artist MP5, con le compagnie Muta Imago, lacasadargilla e Accademia degli Artefatti, con i registi Andrea Baracco, Fabrizio Arcuri e Veronica Cruciani, ed in campo musicale con Rho e gli WOW. Nel 2016 insieme a Daniele Spanò ha curato il set design video e luci per la sfilata fall/winter 2017 di Gucci.

    Sagra Musicale Malatestiana. Aminta/Orfeo. Daniele Spanò

    Nato a Roma nel 1979, dopo una formazione da scenografo inizia il lavoro di regista e artista visivo. Le sue video-installazioni, commissionate da Istituzioni e privati, lo portano nelle più belle piazze d'Italia. Tra i suoi interventi più importanti la realizzazione delle show multimediale di presentazione della collezione Gucci autunno inverno 16/17 in collaborazione con Luca Brinchi; Linea di Fuga, installazione multimediale annessa alla collezione del MAP (museo agro pontino – Pontina 2016); Pneuma installazione site specific presentata in occasione della 56° edizione del Festival dei Due Mondi (Spoleto 2016); Atto Primo Chiesa degli Artisti (Piazza del Popolo a Roma 2103); Rifrazioni permanenti del 2011 in Piazza Colonna, sempre a Roma, promosso dalla Presidenza del Consiglio, Ministero del Turismo e MiBAC. Nel febbraio 2011 viene selezionato dal celebre regista e artista Takeshi Kitano, per rappresentare il fermento artistico della città di Roma. Dal 2009 collabora come scenografo con l’Orchestra di Piazza Vittorio, e nel 2014 è assistente alla regia per Carmen per l’apertura della stagione estiva del Teatro dell’Opera di Roma. Sempre nel 2014 con Luca Brinchi e Roberta Zanardo firma i video per le scene di Hamlet di Andrea Baracco e la scenografia per Ritratto di una capitale per la regia di Fabrizio Arcuri. Come artista visivo espone in musei come la Galleria Nazionale dell’Umbria, la Centrale Monte Martini di Roma, o il MAP di Pontinia, oltre che per privati ed associazioni no profit. Dal 2012 al 2015 è consulente artistico per la Fondazione Romaeuropa. Tra le ultime collaborazioni La casa d’argilla, con Andrea Baracco, Luca Brinchi e Roberta Zanardo (Santasangre).

    Comunicato Stampa Comune di Rimini

    Francesco Cera sopra; Damiana Pinti sotto.

    Walter Testolin, sopra. Ensemble arte musica, sotto.

    Riccardo Pisani, sopra; Industria indipendente, sotto.

     


    0 0

    RIMINI. Domenica 25 settembre, in Basilica Cattedrale, alle ore 17.30, per imposizione delle mani del Vescovo di Rimini mons. Francesco Lambiasi verranno consacrati tre nuovi sacerdoti. Lo Spirito Santo scende nuovamente sulla Chiesa riminese, dunque, per conformare al Buon Pastore questi due giovani (due presbiteri diocesani) che hanno accolto la sua chiamata. Si tratta di: don Filippo Rosetti e don Eugenio Savino, 65 anni in due.

    Don Paolo Donati, rettore del Seminario diocesano “don O. Benzi”: “per questi giovani uomini, il passaggio che si preparano a vivere rappresenta la méta di un lungo cammino di preparazione durato sette anni, tempo in cui si sono verificati sulle scelte, hanno approfondito i contenuti della fede, hanno imparato a vivere la comunità e reso sempre più solido la loro relazione con il Signore. Ho avuto la fortuna di accompagnare don Eugenio durante l’anno di diaconato, condividendo con entrambi ciò che avevano intuito nel loro rapporto con il Signore”.

    Don eugenio savino e don filippo rosetti nuovi sacerdoti diocesani di rimini

    Don Eugenio, a sinistra, e don Filippo.

    Don Filippo Rosetti

    Nato il 20 maggio 1988 a Faenza (RA), nella Parrocchia del SS. Salvatore in Albereto ha partecipato al gruppo dell’Oratorio Don Bosco dove si è formato nell’educazione dei ragazzi e nel lavoro per i poveri. Dopo tre mesi di missione in Perù si è trasferito a Rimini, portando l’esperienza dell’Oratorio Don Bosco. Scoperta la vocazione e, accompagnato da alcuni sacerdoti, dopo due anni (nel 2009) è entrato in seminario. Oltre alla formazione teologica, in questi anni ha prestato servizio nelle parrocchie di Morciano, Bellaria, Grotta Rossa, Sant’Aquilina e in attività dell’Oratorio. Ha conseguita il Baccalaureato in Teologia presso la Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna (FTER) nel giugno 2016. Ordinato diacono il 18 ottobre 2015, ha svolta finora il servizio presso la comunità terapeutica della Papa Giovanni XXIII a Sant’Aquilina. “Già a 16 anni mi chiedevo come spendere radicalmente la mia vita, eventualmente anche una con una vita di prete. – racconta don Filippo – Ho avuto una brava educatrice che mi ha detto: Non preoccuparti, se quella è la tua strada ci sarà qualcuno che te lo farà capire. E così è stato. Il mio impegno ora sarà: far incontrare il Signore e non la mia persona coi miei peccati”. 

    Don Eugenio Savino

    È nato il 7 ottobre 1979 a Rimini, giorno della Madonna del Rosario. Ha ricevuto il battesimo il 18 ottobre dello stesso anno presso la Parrocchia di San Martino (Riccione) dove ha ricevuto anche gli altri sacramenti dell’iniziazione cristiana. Ha svolto servizio nel coro di San Martino e presso la comunità del Punto Giovane di Riccione, al Telefono Amico e nelle convivenze con gli adolescenti. Laureato in Economia e Gestione aziendale a Forlì, Eugenio ha lavorato come consulente aziendale nel settore informatico. È entrato in seminario a Rimini nel settembre 2009. Durante il cammino, ha prestato servizio stato presso le parrocchie di San Michele Arcangelo (Morciano), a Sant’Aquilina e La Resurrezione (Grotta Rossa) di Rimini e per le attività vocazionali in seminario. Nel dicembre 2015 ha conseguito il Baccalaureato in Teologia presso la Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna (FTER). Ordinato diacono il 18 ottobre 2015, attualmente è in servizio pastorale presso la parrocchia di Sant’Andrea dell’Ausa (Crocifisso) a Rimini. “Il lavoro per me è stato una grande grazia perché mi ha aiutato a entrare in contatto con la vita della maggior parte della gente, coi problemi di tutti i giorni. Un aspetto che si è ulteriormente ampliato con la vocazione e l’anno del diaconato. La vita donata, come quella del prete, esercita un certo fascino sui giovani. I giovani han bisogno di sentirsi accolti e di vedere figure di preti generosi ed entusiasti”. 

    La cerimonia di ordinazione dei nuovi sacerdoti nel Tempio Malatestiano

    Le ordinazioni saranno concelebrate da tanti sacerdoti e religiosi della Diocesi di Rimini, dal Rettore del Pontificio Seminario regionale di Bologna don Stefano Scanabissi, e da diversi sacerdoti del Seminario regionale di Bologna. Attualmente la comunità del Seminario diocesano “d. Oreste Benzi” è composta da quattro seminaristi di cui due al Seminario regionale di Bologna, uno che fa il cammino propedeutico (sta verificando in maniera più approfondita e in un percorso strutturato la vocazione), e uno in stage pastorale a Rimini. Nel 2017 dovrebbe ricevere l’ordinazione diaconale in vista del presbiterato. Il rettore è don Paolo Donati, don Cristian Squadrani è il padre spirituale mentre il vice rettore don Marcello Zammarchi ha preso un anno sabbatico.   

    Con i tre sacerdoti ordinati domenica 25 settembre, salgono a 156 i presbiteri diocesani. 46 sono i sacerdoti religiosi, e 36 i diaconi permanenti (10 saranno ordinati nel prossimo ottobre).


    0 0

    SAN MARINO. La Segreteria di Stato per il Turismo e lo Sport informa che da venerdì 23 settembre 2016 fino al 30 settembre prossimo compresi, la piscina di Borgo Maggiore – Tavolucci resterà chiusa al pubblico per consentire ai tecnici lo svolgimento di verifiche alle condizioni dell’impianto allo scopo di definire gli interventi di manutenzione straordinaria.  

    ‘Certi che la sicurezza degli atleti e di quanti utilizzano la struttura per la pratica delle attività natatorie debba essere la priorità delle istituzioni competenti’ -  dichiara il Segretario di Stato per il Turismo e lo Sport Teodoro Lonfernini - ‘ci scusiamo per il disagio temporaneo arrecato e auspichiamo la collaborazione e la comprensione da parte dei cittadini interessati’. 

    Comunicato Stampa

    Segreteria di Stato al Turismo


older | 1 | .... | 1325 | 1326 | (Page 1327) | 1328 | 1329 | .... | 1335 | newer